top of page

Calcolo del tempo di cammino durante le escursioni

Se volete calcolare il tempo di percorrenza della vostra escursione, dovete prendere in considerazione diversi fattori. In questo articolo vi spiegherò quali sono e come potete usarli per calcolare il tempo di cammino!

Tempo di camminata

Contenuti

1. fattori

2. calcolo del tempo di percorrenza

3. Esempio

4. Suggerimento

5. Altri fattori

6 Terreno

7. Pause

8. Età

9. bagagli

10. Forma fisica

11. Tempo atmosferico

12. altitudine

13. conclusione


I fattori

Nel calcolo del tempo di percorrenza giocano tre fattori importanti che è bene tenere in considerazione: I metri di altitudine, la lunghezza del percorso e i metri di discesa.

I club alpini hanno concordato una procedura standardizzata per il calcolo e lavorano con tempi medi determinati, che vengono utilizzati come linea guida approssimativa per la durata dell'escursione prevista.

Chi fa molte e frequenti escursioni o viaggia in montagna può naturalmente basarsi anche sulla propria esperienza. In ogni caso, il tempo di marcia effettivo varia a seconda della velocità dell'alpinista o dell'escursionista e delle avversità esistenti sul terreno - e dipende anche da altri fattori come l'età, il bagaglio, la forma fisica, il terreno, il clima e l'altitudine. Ma su questi altri fattori tornerò più avanti!

Tempo di camminata

Calcolo del tempo di marcia durante le escursioni

Il modello di calcolo dei club alpini presuppone che un escursionista o un alpinista possa percorrere in media 300 metri in salita, 500 metri in discesa e 4 km in piano in un'ora.

Su questa base, il tempo di marcia viene calcolato come segue:

In primo luogo, si calcola il tempo per i metri di altitudine.

In secondo luogo, si calcola la discesa.

In terzo luogo, si calcola la distanza e si dimezza il valore (tra poco spiegherò perché).

Infine, sommare i valori.

Tenere conto di altri fattori.

Tempo di camminata

Esempio

L'escursione prevista è di 1.500 metri di altitudine e 16 chilometri.


Innanzitutto, si calcolano i metri di altitudine: Poiché per 300 metri di dislivello si deve prevedere in media 1 ora di cammino, per un'ascesa di 1.500 metri di dislivello occorrono 5 ore.


In secondo luogo, si calcola la discesa: In discesa si guadagnano in media 500 metri di altitudine all'ora. Ciò significa che per 1.500 metri di dislivello in discesa, si deve calcolare un tempo di marcia di 3 ore.


Quindi, nel frattempo: 5 ore di salita + 3 ore di discesa = 8 ore.


In terzo luogo, si calcola la distanza: Poiché in pianura si percorrono circa 4 chilometri all'ora, occorrono circa 4 ore per percorrere 16 chilometri. Attenzione! Nel mio esempio, si tratta sempre di salite e discese, per cui questo valore va ora dimezzato, ottenendo 2 ore.


In quarto luogo, i valori vengono ora sommati: 5 h + 3 h + 2 h = 10 ore


Tenete conto di altri fattori come le pause, l'età, il bagaglio, la forma fisica, il terreno, il tempo e l'altitudine. Purtroppo non esistono linee guida e si possono solo stimare questi fattori. Come per ogni cosa nella vita, è meglio iniziare con poco e aumentare lentamente. Con il tempo, si svilupperà una sensazione di quanto tempo è necessario in condizioni di bagnato con uno zaino pesante, ad esempio.


Risultato: in condizioni ideali, si dovrebbe contare su un tempo totale di cammino di 10 ore per il tour.


(Grundlage für diese Berechnung ist die DIN 33466, auch nachzulesen unter Punkt 1.6.2.5 im Wegehandbuch der Alpenvereine)

"La meta non è in cima, ma nella valle dove è iniziata l'ascesa".

Suggerimento: consiglio di aggiungere almeno un'ora di tempo cuscinetto al tempo calcolato. Dopo tutto, si vuole essere in grado di fare delle pause e di reagire a eventuali ostacoli imprevisti con una finestra temporale adeguata.


Come sempre, vi consiglio un video di una delle mie escursioni:

Altri fattori in dettaglio

Come regola generale: documentarsi con largo anticipo su tutti i dettagli del tour previsto, come ad esempio l'altitudine e il bagaglio necessario, e poi includere questi fattori nei propri calcoli usando il buon senso.


Considerare il terreno difficile

Un'escursione a piedi si svolge spesso in un territorio montuoso. Il terreno deve quindi essere sempre considerato relativamente difficile. Per questo motivo, camminare su roccia, ghiaia, ghiaccio e neve, terreni sciolti come la sabbia lavica o terreni paludosi richiede un'attenzione particolare. Pianificate più tempo qui!


Ecco l'importante classificazione dei sentieri

La classificazione della difficoltà di un sentiero si basa solitamente sulla parte più difficile del percorso.


Esistono anche le seguenti categorie:

BLU: i sentieri di montagna con un punto blu sono sentieri più facili che possono essere stretti e ripidi. (Nota: ho ridotto leggermente il tempo di percorrenza calcolato per i sentieri esclusivamente blu).


ROSSO: i sentieri di montagna con un punto rosso sono prevalentemente stretti, spesso ripidi e possono presentare passaggi a rischio di caduta. Possono anche esserci passaggi brevi e protetti. (Nota: lascio il tempo di percorrenza calcolato solo per i sentieri rossi).


NERO: I sentieri di montagna con un punto nero sono stretti, spesso ripidi e pericolosi per la caduta. Inoltre, ci sono spesso passaggi protetti e/o tratti di facile arrampicata che richiedono l'uso delle mani. In questo caso, sono indispensabili passo sicuro e capacità di sopportazione delle altezze. (Nota: aumento leggermente il tempo di percorrenza calcolato per i sentieri esclusivamente neri).

Tempo di camminata

Pause

Le pause durante le escursioni mantengono in forma! Dovreste programmare una pausa di 5 minuti per ogni ora di escursione. Questo è un sollievo soprattutto per i piedi, che si faranno sentire nel corso dell'escursione. Ma anche la schiena deve riposare a sufficienza, soprattutto nelle escursioni di lunga durata con zaini pesanti.

L'escursione deve essere piacevole, quindi prevedete un'abbondante pausa pranzo di ben 1 ora.


Età

Le persone hanno costituzioni fisiche diverse a seconda dell'età. Mi riferisco in particolare agli anziani e ai bambini. I bambini possono essere in grado di camminare per 16 chilometri. Tuttavia, il tempo di cammino necessario aumenta notevolmente con i bambini. È quindi necessario prevedere molto più tempo.

Tempo di camminata

Bagaglio: meglio se ultraleggero

Il bagaglio può influire in modo significativo sul tempo effettivo di cammino, soprattutto in combinazione con il maltempo o il terreno avverso. Per questo motivo, è bene prevedere un po' di tempo in più, almeno per i sentieri a lunga percorrenza. In genere consiglio un equipaggiamento ultraleggero e impermeabile per le escursioni.


Fitness: quali sono i tipi di deambulatori per le escursioni?

In linea di massima, esistono due tipi di camminatori. Il primo è il tipo di camminatore di resistenza o costante, che cammina a un ritmo moderato ma senza fermarsi per brevi pause. L'altro è il tipo sprinter, che cammina un po' più velocemente ma fa una pausa dopo ogni tratto. È preferibile una camminata continua, non troppo veloce, con una sequenza uniforme di movimenti. I continui cambi di ritmo comportano uno sforzo notevole. È meglio iniziare con poco e trovare il proprio ritmo.


Il tempo

Prima di ogni escursione è sempre bene controllare le previsioni del tempo. Il tempo può avere un impatto significativo sul tempo di percorrenza. Pianificate del tempo in più, soprattutto in caso di forte vento, scarsa visibilità nella nebbia o terreno bagnato dalla pioggia. Suggerimento: se non volete trovarvi in una situazione rischiosa, fate in modo che il controllo del tempo faccia parte del vostro rituale escursionistico.


L'altitudine

Riuscirete ad adattarvi all'altitudine se seguirete importanti regole di comportamento. Dovete abituarvi alle alte quote, quindi decollate al rallentatore. Ad altitudini superiori a circa 3.000 metri, è quindi essenziale pianificare più tempo. Inoltre, bisogna bere molti liquidi per aiutare il corpo ad adattarsi all'altitudine. Attenzione! I seguenti sintomi indicano una mancanza di adattamento all'altitudine:

Mal di testa

respiro corto

stanchezza

nausea

Nessun recupero durante le pause.

Conclusione

Sia che abbiate ambizioni sportive, sia che vogliate semplicemente staccare la spina per un po', la sicurezza è sempre al primo posto nella pianificazione. Sia nei gruppi di escursionisti che nelle escursioni in famiglia, prestate sempre attenzione ai membri più deboli del gruppo e teneteli in considerazione. Se invece si fa un'escursione da soli, è molto importante camminare prima in zone conosciute, su sentieri sicuri e segnalati. Con un po' di esperienza, sarete in grado di affrontare senza problemi anche le escursioni più impegnative.

 
Foto des Inhabers Hikingfex

Un caloroso saluto, sono Christian, Capo Globetrotter dieser Seite e un'entusiasta avventuriera, escursionista e regista. Mi piace percorrere nuovi sentieri e ispirare le persone con essi e mi piace condividere con voi le mie conoscenze escursionistiche acquisite! Potete trovare i miei video anche su YouTube! Sul mio blog potete trovare consigli sulle escursioni più belle e più grandi che ci siano, sia che siate principianti o professionisti. Voglio incoraggiare le persone a esplorare il mondo come escursionisti, in campagna, nei boschi o in montagna. Fedele al motto: se non hai fatto un'escursione, non hai visto il mondo,


Sul mio blog scrivo anche di attrezzatura per l'escursionismo, del giusto allenamento in vetta e della conservazione della natura, oltre che di consigli e informazioni sull'escursionismo.


43 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page